Andamento storico dell’economia italiana


ANDAMENTO STORICO DELL’ECONOMIA ITALIANA

 

Il grafico su riportato rappresenta l’andamento del rapporto debito pubblico/PIL dal 1950 al 2010 relazionato ai governi di vario colore politico succedutisi dal 1976 in poi, in arancio quelli di centro-sinistra, in rosso quelli di sinistra e in blu quelli di destra. Per la fine del 2012, con il governo Monti, si prevede un rapporto debito pubblico/Pil pari circa 120 punti percentuali o in altri termini che il nostro debito (2000 miliardi di euro circa) sarà 1,2 volte il nostro Pil. Continua a leggere “Andamento storico dell’economia italiana”

Annunci

L’Europa dei Popoli


Il Prof. Mario Monti
Il Prof. Mario Monti

L’EUROPA DEI POPOLI

Monti ha proposto a Van Rompuy “un incontro tra i capi di Stato e di Governo dell’Unione europea, per discutere su come agire per evitare che rinascano all’interno dell’Ue risentimenti, tensioni, a seguito per esempio della crisi dell’Eurozona”. “E’ molto importante – ha detto il presidente del Consiglio – avere occasioni come questa a Sarajevo, per essere sempre tenuti vigili sul fatto che mai la convivenza pacifica, armoniosa, costruttiva é acquisita per sempre e quindi ci vuole una manutenzione psicologica e politica continua, che in questo momento in tutta Europa è importante”. Le rivendicazioni recenti della Grecia riguardo ai risarcimenti per i danni causati dall’esercito tedesco nella 2° Guerra Mondiale sono un esempio fin troppo chiaro di questi risentimenti che rinascono, tuttavia Monti dovrebbe ricordare alcune cose. Continua a leggere “L’Europa dei Popoli”

Le responsabilità vanno divise


La globalizzazione dei mercati

LE RESPONSABILITA’ VANNO DIVISE

Prodi, nel 1999, ci ha fatto aderire a forza al Trattato di Maastricht per entrare nell’Eurozona, senza però avvisarci dei rischi legati al debito pubblico italiano già pesante allora. I governi seguenti, pur potendo risparmiare moltissimo godendo d’interessi sul debito pubblico pari a quelli tedeschi e di fiducia e credibilità nel sistema Italia, ritenuto in grado di mantenere un PIL elevato, non hanno tuttavia usato quei risparmi per ridurre il debito, né hanno predisposto quelle riforme strutturali in grado di farci crescere nonostante la concorrenza dei mercati globali. Continua a leggere “Le responsabilità vanno divise”