L’onore delle armi alla Lega


Alberto da Giussano

L’ONORE DELLE ARMI ALLA LEGA

Se non fosse per il “golpe dei mercati”, la Lega Nord sarebbe ancora al governo, lottando con pervicacia per completare l’attuazione del federalismo fiscale, a fianco del Pdl e Berlusconi. Col suo voltafaccia, legittimo ma eticamente discutibile, Fini ha cambiato il proprio orientamento politico in corso di partita, tradito parte dei suoi ex-elettori di AN, scardinato il neonato PDL e l’alleanza con la Lega, un’alleanza che aveva un ampio margine nei numeri per giungere al termine naturale della legislatura, completando ogni punto del programma elettorale nel quale erano già incluse, assieme al federalismo fiscale, molte di quelle riforme strutturali che ora l’Europa ci chiede. Continua a leggere “L’onore delle armi alla Lega”

Le sinistre riunite a Milano


pisapia
Giuliano Pisapia, candidato della sinistra al Comune di Milano

LE SINISTRE RIUNITE A MILANO

Che le sinistre riunite possano conquistare il municipio di Milano, da leghista, è una cosa che mi preoccupa relativamente, anche se preferirei il contrario. Il gran simpaticone di Pisapia, come un viagra neuronico, ha fatto rialzare cadaveri imbalsamati e rinvigorire vecchi rimbambiti dal loro torpore, in catalessi dopo l’uscita dalle scene del buon Bertinotti. Parlano di primavera di un nuovo ciclo. Tanta è la spocchia, che più che alla primavera sembra un ritorno ai grigi autunni degli anni settanta, quando c’era l’incubo di doversi leggere il Capitale di Marx per non essere considerato un deficiente. Continua a leggere “Le sinistre riunite a Milano”

Chi c’è dietro a Fini e i centristi?


L'abbraccio del giuda
L’abbraccio del giuda

CHI C’È DIETRO A FINI E I CENTRISTI?

Se nell’UE uno stato poco virtuoso non rientra nei parametri stabiliti dal Trattato di Maastricht per garantirne l’equilibrio economico, è penalizzato con una riduzione della devoluzione e nessuno obietta. Questo perché l’UE è un’associazione libera di stati indipendenti in cui nessun stato è obbligato a rimanerci controvoglia, al contrario molti, guarda caso i meno ricchi, premono per entrarvi. Evidentemente, nonostante le rigide regole economiche imposte, presumono che vi siano comunque dei vantaggi a farne parte. Continua a leggere “Chi c’è dietro a Fini e i centristi?”