Articolo 18 e mobilità


Casa mobile

ARTICOLO 18 E MOBILITÁ

CGIL e FIOM, arroccatesi nelle posizioni guadagnate “sul campo” all’inizio degli anni ’70, non intendono cedere sull’art. 18, ma cosa prevede esso? Prevede il reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa o giustificato motivo. Tuttavia, il giustificato motivo può essere soggettivo oppure oggettivo, per cui nella giurisprudenza sul licenziamento si distingue il licenziamento disciplinare (per giusta causa o giustificato motivo soggettivo) da quello non disciplinare (per giustificato motivo oggettivo) che include ad esempio la soppressione del posto di lavoro, l’introduzione di nuovi macchinari che richiedono minori interventi umani e l’affidamento di servizi a imprese esterne. Ma nella prassi, raramente il giudice avvalora queste motivazioni per cui, in questi casi, al lavoratore è di solito concesso il diritto di reintegro. Di fatto, le esigenze delle imprese e del sistema Italia di essere competitivi e concorrenziali nei mercati internazionali non sono mai tenute in conto dal giudice del lavoro.

Tuttavia, la situazione contingente impone una diversa visione del rapporto lavoratore-datore di lavoro. Se, infatti, negli anni ’70, in una situazione economica di mercati ancora molto chiusi e limitati, poteva avere un senso vedere nell’imprenditore il padrone che si arricchiva sfruttando il lavoratore, oggi non è più così, gli avversari sono altrove e c’è bisogno di disponibilità e collaborazione del lavoratore nei confronti dell’imprenditore che non deve essere visto come uno sfruttatore, ma come chi, grazie a inventiva e capacità personali, è in grado di mantenere e creare nuovi posti di lavoro, pur essendo ovviamente motivato in un’economia liberale anche da logiche di profitto personale.

La soluzione a quest’annosa questione dell’Art. 18 è di limitare il reintegro ai soli casi di licenziamento per discriminazione, garantendo alle imprese la possibilità di licenziare per motivi economici oggettivi, legati alla gestione d’impresa, seppur concedendo al lavoratore un indennizzo ben più consistente dell’attuale. E’ chiaro che questa riforma, aprendo il mercato in uscita, va accompagnata da una profonda revisione del sistema di ammortizzatori sociali e da un cambiamento di mentalità del lavoratore italiano che deve rinunciare all’idea del posto fisso inteso come posto di lavoro garantito fino all’età di pensionamento.

E’ necessario invece che egli si renda più disponibile a una crescente mobilità, che non va intesa come precarietà ma come possibilità di cambiare più volte lavoro nel corso della sua vita lavorativa, considerando che anche in condizioni di stagnazione economica, statisticamente a ogni licenziamento corrisponde un’assunzione e che dunque, in condizioni di crescita, “chiusa una porta, se ne aprono delle altre”. Permane qualche dubbio sull’utilità di attuare tale riforma in una fase di recessione economica nella presunzione che ciò possa invertirne il trend.

Ma nella mentalità degli italiani l’idea di posto fisso include anche il concetto di posto non trasferibile sul territorio, tanto che fino all’ultima manovra del governo dimissionario Berlusconi, il dipendente statale, aspirazione massima degli estimatori del posto fisso, poteva persino rifiutare un trasferimento. E’ perciò indispensabile facilitare questa mobilità accompagnandola anche con una forte apertura del mercato degli affitti immobiliari che renda disponibile ai lavoratori una vasta scelta di abitazioni a prezzi contenuti e in tutto il territorio nazionale. Questo potrebbe essere fatto agendo sull’IMU e rendendo conveniente per i possessori di seconde case affittarle comunque piuttosto che tenerle chiuse.

Bisogna considerare, infatti, che alla base del mito del posto fisso degli italiani vi è quello della casa di proprietà, il cui mutuo è concesso dalle banche solo ai lavoratori con posto fisso. La principale obiezione posta dai sostenitori del posto fisso verrebbe dunque a cadere se nel tempo risultasse più conveniente affittare una casa piuttosto che comprarsela con un mutuo. Rimane solo da chiedersi se, alla base di questo desiderio della casa propria degli italiani, ci sia solo l’intenzione d’investire nel mattone (anche per garantirsi un tesoretto nei momenti di crisi economica come ora) oppure una reale propensione al radicamento nei territori di origine, ovverosia una tendenza alla stabilità degli italiani più che alla mobilità, così tipica questa, ad esempio, negli USA, dove rasenta il nomadismo.

E’ probabile che per molti giovani, single o accompagnati senza prole, la mobilità più che un problema, costituisca una sfida avvincente, mentre per altri, meno pronti al distacco dai famigliari e dai luoghi natii, rappresenti una fonte d’incertezze e paure. Certamente per i lavoratori padri di famiglia, il dover traslocare più volte da una città all’altra con l’intera famiglia rincorrendo il posto di lavoro può rappresentare una scomodità e uno stress seppur temporanei. Le alternative per i lavoratori sono le imprese gestite collettivamente (cooperative) e il “salto del fosso”, ossia diventare lavoratori autonomi o imprenditori, se si ritiene di averne le capacità. In questo caso ci si può confezionare un lavoro come un abito su misura che ci permetta un reddito stando dove si vuole, come fanno la maggior parte degli imprenditori, degli dei autonomi e professionisti.

Tutto ciò, naturalmente, a condizione che, in un’economia liberale (liberismo) ispirata ai principi della concorrenza e della lotta ai monopoli, le liberalizzazioni di corporazioni, professioni, trasporti, energia, banche, assicurazioni e media siano sostanziali, profonde e non di pura facciata e aprano realmente delle nuove opportunità di lavoro soprattutto per i giovani. Sia per una questione di equità, perché se si chiede ai dipendenti di rinunciare alle loro tutele e garanzie è giusto chiedere gli stessi sacrifici a quelle categorie di lavoratori le cui garanzie si basano sul numero chiuso (tassisti, benzinai, farmacisti e albi professionali) sia perché l’introduzione di una maggiore concorrenza nel sistema va a tutto vantaggio del consumatore.

Non è comunque solo l’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori a destare perplessità. Anche l’art. 4, dove si vieta “l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori”, appare anacronistico e discutibile. Diverse sentenze dei pretori del lavoro hanno orientato la giurisprudenza a includere tra queste apparecchiature anche i navigatori satellitari (posti nelle auto aziendali o in dotazione ai cellulari di lavoratori che hanno l’obbligo della reperibilità) e l’installazione di file log nella memoria dei computer aziendali che mostrano ora e data di tutte le operazioni in visualizzazione e aggiornamento compiute da un utente. Sembra quasi che il controllo a distanza del dipendente durante l’orario di lavoro sia considerato un’intrusione nella sua vita privata e non alla stregua del controllo elettronico del cartellino in entrata e uscita dal lavoro.

Anche qui non si tiene in nessun conto la meritocrazia, ossia le esigenze aziendali di misurare la produttività e la correttezza del lavoratore e si preferisce coprire i lavativi e gli imboscati se non i disonesti, comunque immunizzati così anche dal licenziamento disciplinare. La cosa fa specie se si pensa che quando questa norma dello Statuto dei lavoratori fu imposta in Italia dalle lotte sindacali, contemporaneamente il comunismo imperante nell’URSS esercitava i suoi controlli sui lavoratori, nelle fabbriche e negli uffici, attraverso il sistema della delazione incentivata.

Ma in Italia, persino il senso civico deve cedere il passo a una malintesa solidarietà proletaria e il sindacato, che difende a prescindere il lavoratore utilizzando ogni inghippo burocratico per favorirlo, non è diverso dall’imprenditore che nelle pieghe della legislazione scova i modi per eludere le tasse. Assieme costituiscono una simmetria che va sempre a discapito dell’interesse generale del paese.

Rimane poi da chiedersi se questo stimolo alla mobilità nel paese, nelle intenzioni di Monti abbia unicamente delle motivazioni socio-economiche o non vi sia anche l’idea recondita che la mobilità territoriale, contrastando la tendenza alla stabilità nei luoghi di origine e quindi le diversità territoriali e i campanilismi, possa favorire lo sviluppo di un paese più omogeneo dal punto di vista etnico-culturale, annacquando le differenze che esistono tra un siciliano e un lombardo piuttosto che tra un ligure e un veneto.

Diciamo subito che questa sarebbe una pia speranza se non una mera illusione. E’ facilmente intuibile quali sarebbero le direzioni dei flussi migratori. Est-Ovest nei due sensi con differenze variabili lungo lo stivale, Nord-Sud con flusso prevalente verso Nord mano a mano che si scende lungo lo stivale. Questo porterà certamente a una maggiore varietà d’italiani a centro-nord, ma il centro-sud rimarrà sempre uguale a se stesso. Anche se qualche settentrionale potrà comprarsi una seconda casa a Taormina per passarci le ferie estive, è poco probabile che qualcuno di essi si trasferisca al sud, stanco delle brume e delle nebbie padane, per la semplice ragione che i posti di lavoro si trovano principalmente al nord. Gli stessi imprenditori del nord hanno poco interesse a delocalizzare le loro imprese al sud, anche se allettati da consistenti incentivi fiscali e procedure semplificate, oltre che dal clima gradevole, principalmente per mancanza di sicurezza e legalità.

Articoli correlati:
La Camusso e la produttività
É ora di fare pulizia
Competitività e art. 18

Annunci

Autore: Giuseppe Isidoro

Libero Pensiero Veneto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...